Homepage   |   Mappa del sito  

Le varie tipologie di piscine

Esistono numerose tipologie di piscine che variano per modalità costruttiva, tipologia di filtrazione, rivestimento, forma e destinazione d'uso. Cercheremo di classificare i vari tipi:

Piscina con sisema di riciclo a sfioro

È il sistema per pulire il pelo dell’acqua più valido ed efficiente che ci sia. È anche quello che da i risultati estetici migliori. La tecnica consiste nel far tracimare (traboccare) l’acqua dalla vasca. Questo metodo di pulizia della superficie è adottato obbligatoriamente (al di sopra di certe dimensioni minime), negli impianti natatori pubblici perché garantisce una maggior igiene. Nelle piscine private piccole o medio grandi, tale tecnica di riciclo, viene scelta prevalentemente per motivi estetici: il pelo dell'acqua si trova allo stesso livello del piano circostante. Tipologie di sfioro

Piscina ad uso pubblico con griglia di sfioro

Come si può vedere in questa foto, lungo il bordo della piscina è presente una griglia la quale raccoglie l’acqua immessa in eccesso e la porta in una apposita vasca comunemente chiamata vasca di compenso. Questa cisterna non è visibile perché opportunamente alloggiata al di sotto della pavimentazione e dunque nascosta alla vista. La vasca di compenso ha il compito di raccogliere l’acqua in eccesso immessa e di compensare, grazie alla sua capacità, quantità di acqua pari al volume di ogni persona che entra in piscina. È evidente come un tal complesso, se da lato favorisce una pulizia migliore della superficie, dall’altro ha un costo di realizzazione decisamente superiore rispetto ad una piscina con skimmer.

Piscina con sistema di riciclo a kimmer

Le piscine che utilizzano gli skimmer sono di più semplice costruzione e nel caso gli skimmer siano in numero sufficiente (uno skimmer per ogni 25 mq di superficie di specchio d'acqua), offrono capacità di pulizia del pelo acqua, prossimo a quelle con sistema a sfioro.

Skimmer a bocca ampia per piscina

Questo dispositivo,  permette di evitare la realizzazione della vasca di compenso, la costruzione del canale di sfioro con relativa griglia e l’installazione di costosi dispositivi per il controllo e il ripristino del livello acqua.  Il risultato estetico è comunque buono:

Foto di piscina a skimmer, con trampolino e scalette inox

Gli skimmer dunque sono ottimi per chi vuole un impianto di filtrazione semplice, poco costoso e lo stesso efficiente.

Diverse tipologie di rivestimento

Il rivestimento della piscina è ciò che viene frapposto tra la struttura portante e l’acqua. Spesso ha anche una funzione impermeabilizzante, oltre a rendere la superficie liscia e pulibile. Vediamo in questi paragrafi quali sono i più diffusi materiali e tecniche di rivestimento.

Liner in PVC

Il rivestimento in liner armato (rete interna in poliestere) o telo in PVC è senza dubbio quello che ha un rapporto qualità / prezzo migliore. Con questo materiale si ottengono buoni risultati, sia sotto l’aspetto estetico che sotto l’aspetto funzionale. Inoltre il rivestimento in liner permette di adottare strutture solamente portanti e non necessariamente a tenuta d'acqua, in quanto il liner stesso è impermeabile, ciò permette un discreto risparmio nella costruzione.

Piscina rivestita con membrana in PVC

La foto sopra fa comprendere come il  materiale sia uniforme, compatto e costituisca un tutt’uno con la struttura in muratura o prefabbricato. Vediamo  sotto altre foto dove il rivestimento viene installato su una vasca dalle pareti prefabbricate e dal fondo in calcestruzzo.

Fasi del taglio e della posa del liner in PVC
Lavoro di installazione membrana in PVC appena terminato
Liner in PVC con trama di rinforzo In questo disegno a fianco si vede chiaramente come è fatto il liner in PVC. 
Ha due strati uno su l’altro e in mezzo una rete in poliestere al fine di rendere il prodotto ancora più resistente.

Rivestimento a mosaico o a maioliche

Il mosaico differisce dalla maioliche per dimensione e spesso per l materiale: il mosaico di solito è di tipo vetroso, ovvero composto di materiale che ricorda il vetro, mentre le maioliche sono di ceramica. Sostanzialmente i due prodotti non differiscono di molto e per la loro posa, vanno usate tecniche simili se non addirittura identiche.

Vista di scala a torta in piscina a mosaico

Ad esempio in tutti e due i casi, c'è bisogno di una vasca che sia a tenuta. In quanto le maioliche e anche il mosaico, lasciano fuoriuscire l'acqua. Per limitare ciò, queste vasche andrebbero gettate in una unica volta:

La gettata unica è utile ma non sempre sufficiente a garantire una corretta posa delle maioliche. Oggi per fortuna vengono commercializzati rasanti gommosi che conferiscono alla vasca, anche se non perfettamente costruita, una maggiore resistenza alle perdite d’acqua.

Rivestimento a resina al clorocaucciù

La resina o vernice al clorocaucciù, è la soluzione più economica, ma anche quella che rende di meno sotto l’aspetto della durata.  Queste resine dopo poco tempo (circa uno o due anni) si spellano, lasciando scoperto la struttura sottostante. Dunque ogni anno andrebbe svuotata la vasca e ritinteggiata. Inoltre queste vasche spesso perdono acqua, perché la resina viene stesa direttamente sulla muratura, senza frapporre malte o membrane impermeabili.

Piscina tinteggiata con resina a base di clorocaucciù

Strutture in muratura e prefabbricata

Muratura o prefabbricata? Due metodologie di costruzione a confronto: la prefabbricata è veloce e poco costosa;  tutto in muratura, più solida ma un poco più costosa.

In muratura

Con il temine in “in muratura” si intende una vasca realizzata interamente in muratura: il fondo e le pareti. Vediamo nelle foto sottostanti una piscina con pareti in casseri nelle varie fasi di realizzazione:

Piscina a casseri durante la costruzione
Piscina con pareti a casseri armati e gettati
Piscina a casseri  terminata

La vasca realizzata interamente in muratura, se ben costruita, è praticamente indistruttibile e dura per sempre. Lo svantaggio risiede nella tempistica di realizzazione, di poco maggiore rispetto alla stessa vasca realizzata con panelli prefabbricati.

Prefabbricata

Per prefabbricata si intende una piscina con il fondo in cemento e le pareti di acciaio zincato. Questa scelta offre due vantaggi: una minore spesa e tempi di realizzazione più brevi.

Piscina olimpionica con panelli prefabbricati e sfioro
Piscina prefabbricata con pannelli durante il montaggio
Piscina prefabbricata in costruzione

Posizione gerachica all'interno dell'area PISCINA FAI DA TE

  Piscina fai da te   <<   Come è fatta la piscina

Principali pagine dell'area COME È FATTA LA PISCINA

  Come è fatta la piscina   |   Tipologie

2009 TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Valid XHTML 1.0 / CSS